Lotti Bonino

Lot 6

Anna Shamira Minozzi (1968)

L’Emiro Abdel Khader, 2014

La seduta d'asta si tiene il 27 febbraio 2024 alle 18:00 (IT Time)
Stima €150 - €250
Base d'asta: 225,00

Acrilico, foglia d'oro e cristalli Swarovski su tela
39 x 49 cm

Firma:
"Shamira" al recto

Provenienza:
lo studio dell'artista; Veneto Banca SpA in LCA

Esposizioni:
Salone Internazionale del Libro, Algeri, 2017

Stato di conservazione:
Condizione supporto: 95%
Condizione superficie: 95%

Numero componenti lotto: 1
Anna Shamira Minozzi è un’artista italiana ispirata dalla calligrafia islamica, su cui basa molte delle sue composizioni. Ha esposto, tra l'altro, ai Musei Capitolini in Roma, al Barbican Centre di Londra (Olimpyc Fine Arts 2012), al Museo d’Arte di Pechino, ad Abu Dhabi in occasione del semestre di presidenza italiana al Consiglio dell'Unione europea, all'Università Cattolica Sacro Cuore di Milano, alla Accademia Carrara a Bergamo, a Castel dell'Ovo a Napoli, alla Camera dei Deputati. Sue opere sono conservate presso le moschee di Venezia e di Catania. Al centro dei suoi interessi c'è il dialogo tra Cristianesimo e Islam.
Il dipinto in asta, presentato al Salone Internazionale del Libro ad Algeri nel 2017, è stato pensato dall'artista come un omaggio alla Algeria, attraverso la figura dell'Emiro Abdel Kader (1808–1883), eroe dell'indipendenza nazionale, pensatore e letterato. Kader è una figura di spicco anche per il dialogo tra i popoli: durante il suo esilio a Damasco, salvò la vita di 1200 cristiani della città, dall'aggressione di alcuni estremisti musulmani dell'epoca.
Nel dipinto, appaiono elementi islamici ed anche berberi, come le lettere dell'alfabeto Tifinagh, la scrittura dei Tuareg. La mano di Fatima - all'interno si legge calligrafata la frase "Dio è bello e ama la bellezza" - è uno dei simboli raffigurati nello stemma dell'Algeria, mentre l'Emiro a cavallo con la spada simboleggia il potere religioso e la giustizia. La mezza luna con la stella, che appare nella bandiera dell'Algeria, è composta con la frase della
Shahada, la professione di fede Islamica. Alcune gazzelle stilizzate con la frase della Bismillah ("Nel nome di Allah") vogliono ricordare le iscrizioni rupestri di epoca preistorica che si trovano nel sud est dell'Algeria. Diverse scritture calligrafiche fanno riferimento all'arte islamica che si sviluppò nel paese in stile moresco e ottomano. La Bismillah disegna anche i contorni del profilo di una città algerina per sottolineare la spiritualità di questo paese: la farfalla ne indica la bellezza e la delicatezza, la rosa ne esprime la raffinatezza e la poesia. Altre figure rappresentate nel quadro sono il falco, sinonimo di fierezza, intelligenza e simbolo della caccia e il dromedario, considerato secondo la tradizione araba, sinonimo di sobrietà, resistenza, rapidità e adattamento alla vita del deserto.
Una copia su lastra di acciaio del dipinto in asta è stata donata all'erede di Abdel Kader.
L'asta include 278 lotti di varie provenienze, tra cui Veneto Banca SpA in LCA.

Per avere una visione completa dell’asta e del suo funzionamento si consultino, oltre al catalogo digitale dei lotti, le Regole della Vendita.

Chi partecipa all'asta dichiara di aver letto e compreso il Regolamento di vendita, come integrato dagli Aggiornamenti. Le commissioni d'asta, computate sul prezzo di aggiudicazione di ogni singolo lotto, sono pari a: per la parte del prezzo di aggiudicazione da € 0 fino a € 50.000, 26,64% + IVA; per la parte del prezzo di aggiudicazione da € 50.000 fino a € 1.600.000, 23,37% + IVA; per la parte del prezzo di aggiudicazione oltre € 1.600.000, 16,80% + IVA. Il pagamento deve avvenire tramite bonifico bancario entro 35 giorni naturali dalla seduta d'asta. Le penali per il tardivo pagamento sono pari al 20% dell'importo dovuto. L'importo dovuto per il tardivo ritiro corrisponde a tutte le spese sostenute dalla casa d'aste per ritirare il lotto nei modi posti dalle Regole della Vendita a carico dell'acquirente, per movimentarlo e per stoccarlo adeguatamente, inclusa protezione assicurativa, fino al ritiro da parte dello stesso o alla sua vendita forzata.
Acrilico, foglia d'oro e cristalli Swarovski su tela
39 x 49 cm

Firma:
"Shamira" al recto

Provenienza:
lo studio dell'artista; Veneto Banca SpA in LCA

Esposizioni:
Salone Internazionale del Libro, Algeri, 2017

Stato di conservazione:
Condizione supporto: 95%
Condizione superficie: 95%

Numero componenti lotto: 1
Anna Shamira Minozzi è un’artista italiana ispirata dalla calligrafia islamica, su cui basa molte delle sue composizioni. Ha esposto, tra l'altro, ai Musei Capitolini in Roma, al Barbican Centre di Londra (Olimpyc Fine Arts 2012), al Museo d’Arte di Pechino, ad Abu Dhabi in occasione del semestre di presidenza italiana al Consiglio dell'Unione europea, all'Università Cattolica Sacro Cuore di Milano, alla Accademia Carrara a Bergamo, a Castel dell'Ovo a Napoli, alla Camera dei Deputati. Sue opere sono conservate presso le moschee di Venezia e di Catania. Al centro dei suoi interessi c'è il dialogo tra Cristianesimo e Islam.
Il dipinto in asta, presentato al Salone Internazionale del Libro ad Algeri nel 2017, è stato pensato dall'artista come un omaggio alla Algeria, attraverso la figura dell'Emiro Abdel Kader (1808–1883), eroe dell'indipendenza nazionale, pensatore e letterato. Kader è una figura di spicco anche per il dialogo tra i popoli: durante il suo esilio a Damasco, salvò la vita di 1200 cristiani della città, dall'aggressione di alcuni estremisti musulmani dell'epoca.
Nel dipinto, appaiono elementi islamici ed anche berberi, come le lettere dell'alfabeto Tifinagh, la scrittura dei Tuareg. La mano di Fatima - all'interno si legge calligrafata la frase "Dio è bello e ama la bellezza" - è uno dei simboli raffigurati nello stemma dell'Algeria, mentre l'Emiro a cavallo con la spada simboleggia il potere religioso e la giustizia. La mezza luna con la stella, che appare nella bandiera dell'Algeria, è composta con la frase della
Shahada, la professione di fede Islamica. Alcune gazzelle stilizzate con la frase della Bismillah ("Nel nome di Allah") vogliono ricordare le iscrizioni rupestri di epoca preistorica che si trovano nel sud est dell'Algeria. Diverse scritture calligrafiche fanno riferimento all'arte islamica che si sviluppò nel paese in stile moresco e ottomano. La Bismillah disegna anche i contorni del profilo di una città algerina per sottolineare la spiritualità di questo paese: la farfalla ne indica la bellezza e la delicatezza, la rosa ne esprime la raffinatezza e la poesia. Altre figure rappresentate nel quadro sono il falco, sinonimo di fierezza, intelligenza e simbolo della caccia e il dromedario, considerato secondo la tradizione araba, sinonimo di sobrietà, resistenza, rapidità e adattamento alla vita del deserto.
Una copia su lastra di acciaio del dipinto in asta è stata donata all'erede di Abdel Kader.
L'asta include 278 lotti di varie provenienze, tra cui Veneto Banca SpA in LCA.

Per avere una visione completa dell’asta e del suo funzionamento si consultino, oltre al catalogo digitale dei lotti, le Regole della Vendita.

Chi partecipa all'asta dichiara di aver letto e compreso il Regolamento di vendita, come integrato dagli Aggiornamenti. Le commissioni d'asta, computate sul prezzo di aggiudicazione di ogni singolo lotto, sono pari a: per la parte del prezzo di aggiudicazione da € 0 fino a € 50.000, 26,64% + IVA; per la parte del prezzo di aggiudicazione da € 50.000 fino a € 1.600.000, 23,37% + IVA; per la parte del prezzo di aggiudicazione oltre € 1.600.000, 16,80% + IVA. Il pagamento deve avvenire tramite bonifico bancario entro 35 giorni naturali dalla seduta d'asta. Le penali per il tardivo pagamento sono pari al 20% dell'importo dovuto. L'importo dovuto per il tardivo ritiro corrisponde a tutte le spese sostenute dalla casa d'aste per ritirare il lotto nei modi posti dalle Regole della Vendita a carico dell'acquirente, per movimentarlo e per stoccarlo adeguatamente, inclusa protezione assicurativa, fino al ritiro da parte dello stesso o alla sua vendita forzata.